Pianificazione e Controllo dei Processi Aziendali

pianificazione-controlli

Il successo di un business è generalmente considerato in termini di profitto, determinante per le aziende, consapevoli dell’incertezza derivante dal cambiamento dei fattori ambientali e di mercato, oltre che dall’importanza di ridurre il rischio di conseguire risultati non desiderati. La Pianificazione Direzionale è uno strumento che traduce con estrema precisione, dati e fenomeni in sistemi previsionali a supporto delle decisioni aziendali, attraverso una chiara definizione degli obiettivi, assegnati alle diverse posizioni organizzative.

Mettiamo quindi a disposizione del Management questo meccanismo operativo integrato, che si traduce in Pianificazione Strategica, Controllo Direzionale e Pianificazione Operativa per migliorare a tutti i livelli le attività dell’azienda.

1. La pianificazione strategica dipende prevalentemente dalla capacità che ha l’imprenditore, o il management della sua azienda, di “fare strategia”: il che significa costruire uno scenario di dinamica competititva all’interno del quale l’azienda pone i suoi obiettivi come mete da raggiungere, e poi predispone i mezzi necessari per conseguirli in termini di: risorse finanziarie, tecnologiche, organizzative e umane.

In pratica, la pianificazione strategica da noi concepita, è una metodologia per mezzo della quale vengono definiti gli obiettivi globali dell’impresa, questo processo richiede di analizzare alcune fasi che riguardano:

  • L’analisi macro-economica;
  • L’analisi del settore e del mercato;
  • L’analisi della concorrenza;
  • L’analisi dell’impresa e gli obiettivi strategici da perseguire.

Un modello applicato a supporto della gestione strategica nel medio – lungo termine è:
la Balance ScoreCard “scheda di valutazione bilanciata”, che fornisce al Management le linee direttrici per implementare la strategia all’interno dell’organizzazione, misurare le performance e facilitare l’acquisizione di vantaggi competitivi sostenibili nel tempo.

2. Il Controllo Direzionale, rappresenta la funzione più avanzata nella gestione dell’impresa, (organizzazione, processo di assunzione delle decisioni, sistema di gestione delle risorse umane, sistema informativo, controllo di gestione) ed è esercitato per assicurare che le funzioni aziendali siano conformi al progetto organizzativo. I processi specifici di controllo si differenziano secondo le peculiarità delle imprese ma tutti hanno in comune:

  • Sistema di gestione dei costi e analisi degli scostamenti;
  • Disegno e implementazione dei disegni di Risk Management;
  • Sistemi di supporto alle decisioni, definizione del budget d’esercizio e controllo delle varianze;
  • Bilancio di Sostenibilità e rilevazione della Responsabilità Sociale d’Impresa;
  • Monitoraggio degli obiettivi nel breve termine e definizione di un sistema di reporting;
  • Implementazione Sistemi di Business Intelligence: Dashboarding e Indicatori di Performance, Ottimizzazione dei processi di creazione del valore & configurazioni di business analitico per centri di costo e ricavo.

3. La Pianificazione Operativa è volta allo sviluppo e al raggiungimento degli obiettivi globali dell’impresa, che giustificano l’esistenza, ne garantiscono la permanenza e la sopravvivenza nel mercato nonché lo sviluppo. L’attività di Pianificazione Operativa si esplica attraverso l’elaborazione di piani all’interno dei quali vengono specificati:

  • Le attività da svolgere e le procedure amministrative;
  • I tempi da rispettare;
  • Gli indicatori necessari per valutare periodicamente il raggiungimento degli obiettivi;
  • L’allineamento tra la pianificazione strategica e quella operativa, quindi, tra il Management di primo livello e quello intermedio.
  • La progettazione del sistema di controllo di gestione
    • Costruzione del sistema contabile integrato (contabilità generale e contabilità settoriali);
    • Il sistema di contabilità analitica e i collegamenti con la contabilità generale;
    • Il modello di reporting economico generale;
    • Il modello di reporting settoriale per centro di costo/responsabilità e di prodotto/servizio/cliente;
    • Individuazione dei driver di processo e di attribuzione dei costi indiretti;
    • Procedure di alimentazione del modello di reporting generale e settoriale;
    • Elaborazione degli indicatori di performance reddituali ed operativi.